Intervista Valentina Trapletti

Intervista Valentina Trapletti, un’atleta che da tanti anni (quasi 19!!!) pratica la marcia e che vanta nel suo curriculum importanti e diversi titoli nazionali.  L’atleta milanese è stata Campionessa Italiana nella marcia 20km su strada nel 2009 e nel 2015; ha raggiunto 10 presenze in nazionale (se ne aggiungerà un’altra in occasione dei Campionati del Mondo a squadre che si terranno a Roma la prossima settimana). Con la maglia della nazionale assoluta ha partecipato ai Campionati Mondiali di Berlino 2009; ha vinto anche la medaglia d’argento a squadre nella Coppa Europa di marcia che si è svolta a Murcia (Spagna) nel 2015. Da giovane aveva già dimostrato le sue doti per questa specialità vincendo il bronzo nei 3000m di marcia ai campionati italiani allieve indoor; da juniores (anno 2003) ha vinto il primo titolo italiano sempre nei 3000m indoor e il bronzo agli italiani nella 20 km su strada. Nel 2004 sigla altre tre vittorie da juniores: 3000m indoor, 20 km di marcia su strada e 5000m outdoor.

Scheda

Nome: Valentina
Cognome: Trapletti
Luogo e data di nascita: Magenta (MI) 12 luglio 1985
Società: Bracco Atletica
Allenatore: Enzo Fiorillo
Presenze in nazionale: 10
Professione: Militare dell’Esercito Italiano
Scuola frequentata: Università Bicocca di Milano

Primati Personali:

  • Indoor 3km: 12’35”55 (Padova 2015)
  • Pista 5km: 22’00”08 (Milano 2016)
  • Strada 10km: 44’40” (Piacenza 2008)
  • Strada 20km: 1h31’44” (La Coruna 2015)

Intervista

Da quanti anni pratichi la marcia?
Ommamma! quasi 19!!!!!!! Non avevo mai fatto il calcolo..

Chi o cosa ti ha avvicinato a questa disciplina?
La curiosità e l’originalità del gesto tecnico.

Quale gara ricordi con particolare soddisfazione?
L’emozione è stata a Firenze, battere Betty Perrone (al termine della sua carriera sportiva), idolo indiscusso per me e per tutta la marcia italiana, che mi ha tifata nel momento in cui la stavo superando …

Quante ore a settimana dedichi gli allenamenti?
Il più possibile, ma non sono mai abbastanza quelle che ho a disposizione.

Come tutte le discipline sportive a livello agonistico, allenamenti e gare comportano delle rinuncie. Quale ti pesa di più?
Mi pesa molto rinunciare ad allenarmi e a gareggiare per motivi lavorativi, questo è il problema maggiore, il resto non sono rinunce, sono scelte.

Scuola e sport possono “viaggiare” insieme?
Scuola e sport devono viaggiare insieme, è un binomio molto costruttivo.

Prima di una gara cosa pensi?
Che non vedo l’ora di viverla

Quale sarà il tuo prossimo obiettivo?
Il mio obiettivo nel breve termine è la Campionato del mondo di marcia a squadre che si terrà a Roma, nel lungo termine è continuare ad andare avanti migliorando e risolvendo determinati problemi lavorativi.

Quanto è importante condividere la preparazione atletica con un gruppo affiatato?
È molto importante, soprattutto per una disciplina di endurance come la nostra che richiede allenamenti duraturi e intensi.

Non sempre si rimane appagati di una gara; esistono giornate “no” da dimenticare e quelle “si” da immortalare. Tu personalmente come reagisci in queste particolari occasioni?
Tendo a ricordare molto bene le gare “no”, continuo ad analizzarle per capire cos’è andato storto e cerco di imparare da queste esperienze, per quanto riguarda le gare “si” invece mi dedico del tempo per festeggiare e riiniziare a lavorare con più carica di prima.

Un tuo messaggio a chi ci segue?
Appassionatevi, fatevi travolgere e buttatevi nelle nuove esperienza,  vi renderete conto che ne vale davvero la pena.

Oltre la marcia

Colore preferito viola
Mare o montagna mare
Stagione preferita estate
Riflessiva o impulsiva esageratamente riflessiva
Ottimista o pessimista alquanto realista, ma talvolta sognatrice …
Abbigliamento elegante o sportivo elegante
Non sopporti chi non ride
Piatto preferito filetto di tonno in crosta di noci e pistacchi, provatelo!
Bibita preferita birra, la adoro.
Luogo preferito un posto da sogno è la spiaggia di Perth, con le nuvolette rosa e i pappagalli variopinti
Film preferito Bastardi senza gloria, meraviglioso Quentin Tarantino
Cantante preferito Greenday
Mattiniero o nottambulo vario in base alle stagioni, sono lunatica
Non puoi fare a meno di pensare
Quando viaggi porti sempre con te almeno un paio di scarpe sportive e della buona musica

Scheda Valentina Trapletti Fidal

Aprile 2016

Add comment

Inserisci un commento