Intervista Angela Di Fabio

Conosciamo meglio in questa intervista Angela Di Fabio, la campionessa italiana di marcia cadette 2016. A Cles (TN) nella gara di marcia, fin dai primi metri, a dettare il ritmo abbiamo visto proprio questa ragazza abruzzese; molti forse credevano che la marciatrice, allenata da Nicola Piro, non avrebbe retto per tutta la competizione ed invece, una dopo l’altra, ha staccato tutte le altre ragazze, neanche la campionessa in carica Ida Mastrangelo ha potuto fare niente (a fermarla un pit stop di 60 secondi) concretizzando il suo grande sogno. Angela è una giovane molto solare e con il suo entusiasmo affronta nel modo giusto questo sport: si impegna con il suo bel gruppo di allenamento ma non dimentica anche di divertirsi con amici e familiari. Ha già le idee molto chiare come potrete vedere dalla sua espressiva intervista.

Scheda

Nome Angela
Cognome Di Fabio
Luogo e data di nascita Chieti 21 gennaio 2002
Società Polisportiva Tethys Chieti
Allenatore Nicola Piro
Scuola frequentata Liceo Scientifico “F. Masci” Chieti
Primati Personali:

  • Marcia 1000m Pista 4’56″2 (Lanciano 2013)
  • Marcia 2000m Indoor 11’34″14 (Ancona 2014)
  • Marcia 2000m Pista 9’57″93 (Chieti Scalo 2015)
  • Marcia 3000m Indoor 15’17″13 (Ancona 2016)
  • Marcia 3000m Pista 14:23.45 (Cles 2016)

Intervista Angela Di Fabio

Da quanti anni pratichi la marcia?
Da circa tre anni.

Chi o cosa ti ha avvicinato a questa disciplina?
Ho iniziato a praticare atletica quando avevo circa 10 anni ed ho provato varie discipline tra le quali la corsa veloce, gli ostacoli, il salto in lungo. Dopo circa un anno il mio allenatore mi ha invitato a provare a marciare e, dato che questa disciplina mi è piaciuta molto da subito, ho continuato a coltivare questa mia nuova passione.

Raccontaci la tua gara in occasione del Campionato Italiano Cadetti 2016 a Cles che ti ha incoronato Campionessa Italiana di marcia.
Alla partenza non avevo aspettative molto alte, infatti ero accreditata con il terzo tempo ed ero quasi convinta che a portare a casa la medaglia d’oro sarebbe stata Ida Mastrangelo. Ma le cose sono andate molto meglio di come avevo previsto. Dato che alla partenza nessuna delle favorite è andata a condurre la gara, ho deciso, seguendo le indicazioni del mio allenatore, di posizionarmi in testa ed impostare un ritmo elevato. A metà gara sono rimasta in testa assieme alla favorita, guadagnando un buon vantaggio rispetto alle altre atlete.

Ho continuato la mia progressione ed, al termine del secondo chilometro Ida Mastrangelo, è stata fermata in pit lane dai giudici. A quel punto ho realizzato che il sogno di vincere i campionati italiani si stava avverando. Ho concluso la gara migliorando notevolmente il mio personale. Di tutte le vittorie, questa è stata sicuramente la migliore, la più emozionante e quella che di più avevo sognato.

Come sono organizzati i tuoi allenamenti durante la settimana?
Durante la settimana alterno gli allenamenti più intensi a quelli di scarico. Le sedute di allenamento durano all’incirca un’ora e mezza o due.

Lo sport agonistico quanto incide sul tuo rendimento scolastico? È difficile gestire scuola e sport insieme?
Inizialmente ho avuto alcune difficoltà ad organizzarmi con lo studio e gli allenamenti. Ma con il passare del tempo ho imparato a gestirmi meglio e ad avere risultati soddisfacenti nello sport ed un buon rendimento scolastico.

Prima di una gara cosa pensi?
Prima di una gara sono un po’ agitata perché ho paura di deludere le aspettative del mio allenatore e di coloro che credono in me, ma, allo stesso tempo, sono consapevole delle mie capacità per cui l’importante è mettercela tutta, indipendentemente dal risultato.

Quale sarà il tuo prossimo obiettivo?
Il mio prossimo obiettivo è quello di ottenere un buon risultato nelle gare indoor, nel prossimo trofeo di marcia su strada e, guardando più avanti, ai campionati italiani cadetti su pista del prossimo anno.

Hai la possibilità di condividere la preparazione atletica con un gruppo affiatato?
Sì, ho la fortuna di allenarmi con un gruppo di ragazzi e ragazze ai quali sono molto legata e che rendono i miei allenamenti meno faticosi e più divertenti.

Sei soddisfatta dei tuoi risultati?
Assolutamente sì, quest’ultima vittoria ai campionati italiani è significata molto per me e mi ha resa molto orgogliosa di me stessa.

Un tuo messaggio a chi ci segue.
Non smettete mai di credere in quello che amate perché prima o poi verrete ricompensati dei vostri sforzi in un modo o nell’altro, le soddisfazioni più belle sono le più inaspettate.

Oltre la marcia

Colore preferito Bianco
Mare o montagna Ho la fortuna di vivere in una regione che offre paesaggi meravigliosi, sia marini che montani, ma se dovessi scegliere, preferirei andare al mare piuttosto che in montagna
Riflessiva o impulsiva Sono una ragazza impulsiva
Ottimista o pessimista A volte, quando ho avuto una brutta giornata o sono nervosa, divento un po’ pessimista, ma fondamentalmente sono ottimista e cerco sempre di trovare il lato positivo in ogni situazione
Abbigliamento elegante o sportivo Ci tengo molto al mio abbigliamento, infatti adoro comprare vestiti e scarpe. Solitamente per andare a scuola mi vesto in modo sportivo, ma quando devo uscire un po’ di eleganza non manca mai
Non sopporti Non sopporto le persone scorrette, incoerenti o presuntuose
Piatto preferito Adoro i piatti di pesce che cucina mio padre, che a mio parere è un ottimo cuoco
Bibita preferita D’estate amo rinfrescarmi con un buon the verde fresco, mentre d’inverno amo bere ottime tisane calde
Luogo preferito l’anno scorso sono stata a Parigi, è la mia città preferita, è meravigliosa, spero di tornarci al più presto
Film preferito Il mio film preferito è “What the woman wants”
Cantante preferito Mi piace ascoltare la musica, ma non amo un cantante in particolare
Mattiniero o nottambulo Non sono una persona mattiniera, infatti dormo molto
Non puoi fare a meno Non posso fare a meno della compagnia dei miei amici, della mia famiglia e di un po’ di sano shopping!
Quando viaggi porti sempre con te Quando viaggio porto sempre con me la mia macchinetta fotografica perché mi piace molto fare foto

Intervista rilasciata nell’ottobre 2016

Scheda Fidal Angela Di Fabio

 

Add comment

Inserisci un commento