Intervista a Vanessa Tomei

L’intervista che vi proponiamo oggi è una promessa della marcia italiana: la “sorridente” Vanessa Tomei. Nelle sue gare nonostante fatica e sudore la facciano da padrone, è sempre presente il suo dolce sorriso. Diciassette anni da compiere, si è già tolta delle belle soddisfazioni, ma ha incontrato anche degli “imprevisti”; l’amore per la marcia gli ha permesso di superarli e di guardare al futuro con serenità! Questo è un bellissimo atteggiamento che deve essere da esempio per tanti altri ragazzi. Vi lasciamo all’ intervista con questa citazione: “Il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei propri sogni. (Eleanor Roosevelt)”

Scheda

Nome: Vanessa
Cognome: Tomei
Luogo e data di nascita: Chieti, 21 novembre 1998
Società: A.S.D. Atletica Gran Sasso Teramo
Allenatore: Mario De Benedictis
Primati Personali:

  • 14’34″08 3000m indoor (Ancona 2014)
  • 15’00″08 3000m outdoor (Jesolo 2013)
  • 24’26” 5000m outdoor (Pescara 2014)
  • 24’31” 5km su strada (Podebrady 2014)
  • 53’07” 10km su strada (Latina 2014)

Intervista

Da quanti anni pratichi la marcia?
Da 3 anni.

Chi o cosa ti ha avvicinato a questa disciplina?
Dopo anni di nuoto e dopo essermi appassionata all’atletica, attraverso la conoscenza del mio attuale allenatore Mario De Benedictis mi sono avvicinata alla marcia.

Quale gara ricordi con particolare soddisfazione?
Senza dubbio la gara che ricordo con più soddisfazione è la vittoria a Praga alla mia prima convocazione in nazionale.

Quante ore a settimana dedichi agli allenamenti?
Tra le 14 e le 16 ore.

Come tutte le discipline sportive a livello agonistico, gli allenamenti comportano delle rinunce. Quale ti pesa di più?
Avere poco tempo libero da passare con amici, familiari e persone a me care.

Scuola e Sport possono “viaggiare” insieme?
Assolutamente si, possono e devono viaggiare insieme.

Prima di una gara cosa pensi?
Che voglio divertirmi durante la gara, col sorriso ma sempre presente e consapevole.

Il tuo prossimo obiettivo quale sarà?
Fare una bella gara ai Campionati Italiani Individuali dei 10 km su strada.

Quanto è importante condividere la preparazione atletica con un gruppo affiatato?
Importantissimo, ti mette dell’umore giusto per affrontare ogni tipo di allenamento.

Non sempre si rimane appagati di una gara; esistono giornate “NO” da dimenticare e quelle “SI” da immortalare. Tu personalmente come reagisci in queste particolari occasioni?
Dopo un’anemia e altri problemi vari, ho dovuto imparare a rimboccarmi le maniche, fammi forza, credere in me stessa e reagire sempre ricordando l’amore che provo per questo sport.

Come si potrebbe vivere senza la Marcia?
Non si potrebbe!!!  😉

Un tuo messaggio a chi ci segue.
Mai mollare, impegnarsi sempre al massimo, sorridere e ricordarsi che dopo la pioggia c’è sempre l’arcobaleno.

Conosciamoci oltre la marcia

Colore preferito Blu
Mare o montagna Mare
Stagione preferita Primavera
Riflessiva o impulsiva Riflessiva
Ottimista o pessimista Una via di mezzo
Abbigliamento elegante o sportivo Entrambi, ma meglio sportivo
Non sopporti I cambi di programma
Piatto preferito Caprese
Bibita preferita Apple juice
Luogo preferito Stadio Adriatico di Pescara
Film preferito Unbroken
Cantante preferito Coldplay
Mattiniero o nottambulo Entrambi, ma meglio mattiniera
Non puoi fare a meno di Marciare
Quando viaggi porti sempre con te Cuffiette per la musica

Settembre 2015

Happy Birthday!

birthday_cake
Happy Birthday
11/07
Russo Annalisa
13/07
Ilaria Camilla Galli
21/07
Emanuele Romanzi